Contenuto Principale
Gli alunni della scuola Savoia e la guerra raccontata dai testimoni PDF Stampa E-mail
di Massimo Pierdicca ll - A   
Giovedì 14 Aprile 2016 15:59

Testimoni delle vicende collegate alla seconda Guerra Mondiale sono venuti nella nostra scuola a raccontarci fatti ormai lontani ma mai dimenticati: le atrocità e la crudeltà dei conflitti. Il 9 aprile l’aula magna della scuola Savoia ha ospitato uno storico, nato prima della fine della seconda guerra mondiale, un esule dell’Istria e la presidente marchigiana dell’associazione mutilati e invalidi di guerra. L’incontro è iniziato con la visione di un video dal titolo “La memoria va in bici”, che racconta l’esperienza fatta lo scorso anno dalle terze medie delle quattro scuole jesine, che hanno raggiunto in bici i vari cippi dei caduti in guerra e lì hanno recitato poesie in loro onore. L’iniziativa è proseguita con gli interventi degli ospiti. Lo storico e scrittore Riccardo Ceccarelli ha spiegato quello che accadeva durante il tragico periodo della Seconda Guerra Mondiale: ha parlato della Resistenza e del fatto che quella fase è stata piena di sangue e morte.

Tante persone si sono sacrificate non per la politica ma per la loro libertà e per quella delle generazioni future e noi dovremmo essergli grati. Quando in Italia è arrivato Mussolini, si sono formate le prime associazioni antifasciste e i giovani si allontanavano dalla città per creare una guerriglia urbana. Anche i sacerdoti aiutavano i partigiani, nascondendoli nelle loro soffitte e portando loro del cibo cercando di non farsi scoprire. I sacerdoti facevano finta di andare a benedire delle persone malate e invece partecipavano alle riunioni dei partigiani. Dopo lo storico Ceccarelli sono intervenuti gli altri testimoni che ci hanno parlato delle crudeltà della guerra e il dolore che ha portato, la disperazione delle famiglie e il sacrificio dei giovani soldati. A conclusione dell’incontro la professoressa di Ancona Silvana Giaccaglia, presidente regionale dell’ANMING ci ha donato due libri: uno che tratta della Seconda Guerra Mondiale e l’altro delle Memorie Storiche. Veramente un bellissimo incontro per capire e soprattutto ricordare la guerra come una cosa che ancora ci riguardi, anche se per fortuna finita.

 

Largo alla fantasia

Largo alla fantasia

Orientamento

Orientamento dopo le medie

La bacheca della scuola

Bacheca scuola

Contatti