Contenuto Principale
Cosa fare del Vecchio Ospedale? Lo abbiamo chiesto ai commercianti PDF Stampa E-mail
di La Redazione   
Venerdì 30 Gennaio 2015 15:41

Studenti del corso di giornalismo 2015

 

Il vecchio ospedale del Viale della Vittoria verrà abbattuto e al suo posto spunterà probabilmente un parcheggio. I pazienti e le attrezzature sono già stati trasferiti al “Carlo Urbani”, più accogliente e moderno. Per capire cosa pensano i negozianti del cambiamento cosa c’è di meglio che chiederglielo? Perciò siamo andati a fare delle interviste nella zona dell’ex ospedale. I titolari della “Parafarmacia benessere”, Angela e Claudio, hanno proposto di costruire un’infrastruttura come negozi o parcheggi e sono favorevoli alla demolizione dell’ospedale. Andrea Pirani, della tabaccheria Pirani, dice di non essere d’accordo con la demolizione “perché era più comodo avere l’ospedale vicino ma se si dovessero costruire altre cose, preferirei un’area verde”. La commessa Bianca Maria Battistelli, del negozio Ecostore cartucce per stampanti, afferma: “riguardo al vecchio ospedale secondo me è meglio che lo abbattano. I miei clienti si lamentano di non trovare posto per l’auto, quindi vorrei che costruissero un grande parcheggio”. Gilberto Mannarini, della pizzeria Numero Uno, al posto dell’ospedale vorrebbe, invece, “un parco-divertimenti o un centro commerciale” mentre Paolo Uncini, titolare di una tabaccheria nel viale della Vittoria, pensa che il vecchio ospedale andrebbe trasformato “in un centro poliambulatoriale dove ci sono tutti i medici di base oppure ci si potrebbero spostare tutti gli uffici comunali in modo, da essere tutti in un solo posto”. Federico Beldomenico, di Pizzamania, dice che “sarebbe meglio farci un parcheggio” mentre Alfio Palanca, dell’omonimo negozio di biancheria, vorrebbe al posto dell’ex ospedale “un centro culturale”. Molti però sono favorevoli alla realizzazione di un parcheggio, così come ha annunciato il sindaco Bacci. Marco Mimmotti, di “Tuttapizza”, osserva che “in centro è sempre molto difficile trovare dei posti e se si fa un nuovo parcheggio dovrebbero essere gratis”. Secondo Paola, del negozio “Messaggio in fiore”, non è stata una buona idea spostare l’ospedale in periferia: “una parte – dice - sarebbe dovuta rimanere qui vicino, nella zona storica, ma adesso al posto dei vecchi reparti sarebbe meglio fare dei parcheggi”. Per un negozio come il suo, inoltre, il trasferimento è stato un danno perché “venivano a comprare fiori per i ricoverati”. Domenico Grappa, commesso de “L’inferno dei polli”, è convinto che “un parcheggio sia inutile perché ce ne sono già tanti, sarebbe meglio se ci facessero degli uffici per creare posti di lavoro”. Anche per Cristina Bartolini, della scuola guida “Bartolini”, non servono nuovi posti auto “perché ce ne sono in abbondanza, preferirei uno spazio verde”. Roberto Cerioni, commesso del negozio di videogiochi “Jungle game” dice, invece, che “il parcheggio sia la cosa migliore, anche per i clienti. Dovrebbe essere però gratuito”.

 

Largo alla fantasia

Largo alla fantasia

Orientamento

Orientamento dopo le medie

La bacheca della scuola

Bacheca scuola

Contatti