Contenuto Principale
Baby gang a Jesi, tutto risolto dopo l’intervento di carabinieri e genitori PDF Stampa E-mail
di Pietro Simonetti e Gabriele Fabrizi III D   
Lunedì 23 Gennaio 2017 16:53

Dopo le bravate e i furti della baby gang di Jesi la situazione sembra tornata alla normalità ma dai primi di dicembre a metà gennaio la zona dell’arco Clementino ha vissuto periodi di criticità e di timore.                                                                                     Per colpa di questi baby-bulli un tabaccaio è stato aggredito: un giorno 3 ragazzi hanno tentato di rubare tabacco e accendini ma il titolare li ha rincorsi e alla fine la gang ha restituito il maltolto. Alcuni giorni dopo sempre 3 ragazzi di cui uno faceva parte anche della gang precedente sono andati nello stesso negozio e un ragazzo ha chiesto delle cartine ma il proprietario, riconoscendolo, non gliele ha date. Il ragazzo allora ha fatto cadere il tabaccaio e tutti i ragazzi sono scappati. Nei giorni successivi hanno tentato di rubare in un negozio di vestiti ma sono stati inseguiti dai carabinieri che li hanno individuati. Si è scoperto che erano gli stessi delle minacce al tabaccaio. La gang era composta da 5 ragazzi, di cui uno però dalle telecamere non si è ancora visto il volto. Partecipavano due ragazzi e due ragazze tra i 15 e i 17 anni che sono stati denunciati dai carabinieri. I genitori dei ragazzi hanno chiesto scusa ai negozianti e hanno dimostrato un reale pentimento. Sembra che i ragazzi hanno capito che stavano commettendo un grave errore e che rischiavano di rovinarsi la vita.

 

Largo alla fantasia

Largo alla fantasia

Orientamento

Orientamento dopo le medie

La bacheca della scuola

Bacheca scuola

Contatti