Contenuto Principale
Circo o fabbrica? La scelta, 60 anni fa, di Alberto PDF Stampa E-mail
di Bianca Stronati II - B   
Venerdì 21 Marzo 2014 17:49

Un incontro nato dalla curiosità, che mi ha fatto scoprire un mondo di cui sapevo pochissimo. Tutto è iniziato il 20 gennaio scorso. Mi sono calata nei panni di cronista, visto che sto seguendo il laboratorio di giornalismo alla Scuola “Savoia” di Jesi, e ho intervistato, insieme con una mia amica, tre signori di una certa età, seduti in un bar. Abbiamo scoperto una storia davvero particolare. Quella di Alberto, 75 anni, residente ad Ancona. “Quando avevo 15 anni - ci ha raccontato Alberto - iniziai a lavorare in fabbrica per volontà di mio padre anche se il mio sogno era lavorare in un circo. Ero affascinato dalla bellezza degli animali e dal fatto di poterli addestrare. Allora di nascosto mi iscrissi a vari corsi anche fuori Ancona ma non mi presero perché bisognava essere maggiorenni. Passai altri cinque anni in fabbrica".

Leggi tutto...
 
Il postino? Un lavoro per cui serve memoria, ma anche il sorriso PDF Stampa E-mail
di Jiariata Ba – III B   
Martedì 05 Marzo 2013 15:42

Visto dall'esterno, il lavoro di un postino sembrerebbe semplice, si va in giro e si imbucano le lettere rifacendo ogni giorno lo stesso giro, ma chissà se è davvero così. Per questo ho voluto intervistare una dipendente postale che già da quasi vent'anni pratica questo mestiere e quindi sa come si svolge il lavoro: Monica Raffaeli. La zona in cui attualmente consegna la posta è quella del centro storico di Jesi, che frequenta da alcuni anni ed ha molto care le persone a cui consegna le lettere.

Fare il postino è un lavoro faticoso?

“Sicuramente è anche un lavoro fisico condizionato molto dalle condizioni meteorologiche, quindi dalle piogge e soprattutto dalla neve”.

Lo consiglierebbe ai giovani in cerca di lavoro?

“É comunque un ottimo impiego sì, anche se il mio pensiero è quello che i ragazzi devono studiare e realizzarsi in quello che a loro piace fare, quindi nessuno si deve far influenzare dalle mie parole e tanto  meno da quelle degli altri”.

 

Leggi tutto...
 
Scuola o praticantato? Arduino Catani racconta il mondo del lavoro di mezzo secolo fa PDF Stampa E-mail
di Chiara Catani – III D   
Domenica 17 Febbraio 2013 11:49

Gli studenti della terza media hanno fatto, o stanno per fare, la scelta della scuola superiore. Un passo molto importante e difficile da compiere, perché da questa decisione dipenderà anche il loro futuro lavorativo. Già, il mondo delle professioni, che oggi sembra tanto lontano, si costruisce sin da adolescenti. Ma proprio perché è una scelta, quella della scuola superiore, così importante, qualche volta si ha paura di sbagliare, di fare qualcosa che poi non ci soddisfi. Grazie anche alle iniziative promosse dalla nostra scuola e dagli istituti superiori abbiamo avuto molte indicazioni, ma per avere un aiuto e dei consigli da una persona con esperienza ho deciso di intervistare mio nonno, Arduino Catani. Ha 74 anni, oramai è in pensione, ma ha iniziato giovanissimo a lavorare da operaio per diventare poi un artigiano, anzi un imprenditore che per quasi tutta la vita ha portato avanti l’attività di famiglia.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 3

Largo alla fantasia

Largo alla fantasia

Orientamento

Orientamento dopo le medie

La bacheca della scuola

Bacheca scuola

Contatti